Palermo, Zamparini: "Voglio lasciare il Palermo in mani sicure, non a chi lo può distruggere"

di Antonino Terruso
articolo letto 42 volte
Foto

Il patron dei rosanero Maurizio Zamparini è stato intervistato dal Corriere dello Sport, analizzando diversi temi tra tutti la situazione societaria dei rosanero e parlando dei possibili ripescaggi di alcune squadre in Serie B. Ecco le parole raccolte da Palermo24: "Dico da diversi anni di voler lasciare il Palermo, è vero, ma al tempo stesso voglio metterlo in mani sicure. Nel corso degli anni ho incontrato diverse persone, tra cui Baccaglini, che non mi assicuravano un futuro florido per il Palermo e così ho preferito tenerlo io. Ho messo molti soldi nella società in questi anni, ad inizio anno ho messo ben 12 milioni di euro e nonostante ciò sento qualcuno dire frasi del tipo 'Zamparini e il suo giocattolo'. Se non dovessi vendere la società entro la fine del campionato dovrò mettere altri 15 milioni nel capitale. Penso che la Serie B sia un inferno per diversi motivi, anche per il caos avvenuto in questo periodo. Penso che chiunque faccia ricorso debba essere ascoltato ma al tempo stesso credo che la Serie B a 19 squadre sia la scelta migliore. Foschi ad oggi è il valore aggiunto, è una persona che lavora di passione e segue sempre la squadra. Non so se il direttore raggiungerà la squadra direttamente a Foggia o scenda qualche giorno prima a Palermo. Fatto sta che ho deciso di puntare nuovamente su Foschi perchè mi da garanzie professionali. Ho voluto affiancarlo a Tedino perchè credo molto in questo allenatore, ha belle idee e inoltre ha a disposizione una squadra all'altezza".


Altre notizie
Utilizzo dei Cookie
PROSEGUO
Utilizziamo cookie, anche di terze parti, per migliorare l'esperienza di navigazione e per inviarti messaggi promozionali personalizzati.
Proseguendo con la navigazione acconsenti al loro uso in conformità alla nostra Cookie Policy