Rispetto per Posavec. Quante critiche per un errore e nessuno che elogi le mille parate del giovane croato

di Antonio Barbera
articolo letto 326 volte
Foto

Nella serata di ieri, il portiere rosanero Josip Posavec è stato protagonista suo malgrado di una clamorosa papera che ha portato al pareggio del Napoli. In molti nelle ultime ore si sono accaniti contro il portiere croato, reo di non essere al primo svarione stagionale. Tutti i detrattori del giovane portiere rosanero probabilmente, anzi, sicuramente non hanno idea di cosa voglia dire ricoprire quel ruolo. Premesso che le papere le commettono anche i migliori - Buffon docet - certamente essere il bersaglio degli avversari per una partita intera e riuscire a mantenere la porta inviolata è impresa ardua. Il portiere è quel ruolo in cui basta un solo errore in una partita intera per compromettere la tua prestazione e il parere di tifosi ed esperti. Ieri sera, come in tante altre partite, prima e dopo la rete subita  Posavec è stato protagonista di diversi interventi importanti che hanno permesso ai rosanero di uscire dal San Paolo imbattuti. Il croato non è Sorrentino. Non è un portiere di esperienza con alle spalle centinaia di partite tra i professionisti. Il giovane rosanero è un classe ’96, un dettaglio che forse in molti si dimenticano troppo spesso. Ci vuole rispetto per un ragazzo che è stato scelto come titolare, probabilmente più per mancanza di alternative che non per vera fiducia nei suoi confronti, e che fin qui ha mostrato a più riprese le proprie potenzialità. L’errore di ieri è senza dubbio grave, ma ai giovani bisogna anche dare modo di sbagliare per poter fare esperienza ed evitare che certi pasticci ricapitino in futuro. Se scegli di puntare, volente o nolente, su un portiere così giovane devi sapere a cosa vai incontro, ai possibili errori di percorso. Di questo Palermo sono tanti i giocatori che andrebbero messi in discussione, Posavec non è fra questi. Ben vengano le critiche costruttive che possono far bene alla crescita di un giovane, ma le critiche gratuite e immeritate no.  La società e soprattutto la piazza devono continuare a dare fiducia al giovane portiere croato. Perché quando ogni partita ti arrivano minimo dieci tiri in porta e tu riesci a subire un solo gol hai fatto un grande lavoro. Di errori, purtroppo, forse ce ne saranno ancora da qui a fine stagione, ma ciò non toglie nulla al buon campionato che sta disputando Posavec. Ripeto, non è Sorrentino. E’ un giovane che ha sbagliato e sbaglierà, ma crescendo s’impara e sono certo che Posavec imparerà tanto.


Utilizzo dei Cookie
Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy.

CHIUDI