Il paradosso sul paradosso. Il mistero dietro all'addio di Foschi e la nuova speranza del Palermo: Frank Cascio

di Mauro Maddio
articolo letto 1107 volte
Foto

Hai una società calcistica e non sai come muoverti per migliorarla? Fai esattamente il contrario di ciò che fa il Palermo. Se oggi non si è toccato il fondo, siamo veramente vicini ad arrivarci. Il primo stravolgimento della stagione 2016/2017 non tarda ad arrivare e anticipa addirittura di un mese l'esordio col Sassuolo in campionato. Foschi dice addio al Palermo per motivi di salute che gli impediscono di lavorare al meglio, smentendo sui giornali le ipotesi legate alla limitatezza di operare sul mercato. Nessuno vuole mettere in dubbio le condizioni del ds, ma è normale che nascano enormi dubbi sul calciomercato dove finora non è stato fatto praticamente nulla sul fronte degli acquisti, con le trattative bloccate in partenza da Zamparini quando si trattava di giocatori del calibro di Cigarini o Valdifiori. Se il problema di salute è il motivo principale, sicuramente (almeno in parte) le diverse strategie di mercato hanno giocato un ruolo fondamentale nella drammatica scelta di Rino Foschi. Al momento tutte le operazioni condotte dal ds sono bloccate e si deve aspettare l'arrivo di un nuovo ds quando luglio ormai sta finendo: chissà non si tratti ancora di nuove cessioni come quelle probabili di Lazaar e Gonzalez. Visti gli ultimi anni, non sarà l'ennesimo ribaltone a cui assisteremo quest'anno: il prossimo addio potrebbe essere quello di  Davide Ballardini, ritrovatosi ad allenare una squadra piuttosto acerba e inesperta. L'amichevole contro la formazione ungherese del Balmaz non è un banco di prova valido che può decidere dove andrà lontano questo Palermo in campionato. Sicuramente però, possono già evidenziare alcuni limiti a cui andremo a riscontrare nelle prime partite di Serie A se non si interviene subito nel mercato. Ve ne elenco principalmente tre: l'incertezza di Posavec che sui primi due gol presi e sugli sviluppi di alcuni calci d'angolo si è dimostrato piuttosto insicuro, la mancanza totale di idee a centrocampo in assenza di un elemento che detti bene i tempi e un attaccante esperto che sappia smuovere la squadra nei momenti più difficili. L'unica nota positiva di questo Palermo è stata Andrea Rispoli, protagonista non solo per il gol ma anche per una partita giocata con grande cuore e grinta: se c'è uno che meriti la fascia da capitano, quello è sicuramente lui. Mister Ballardini faticherà molto per trovare una giusta quadratura a questa squadra, ma di sicuro con gli elementi a disposizione non gli si potrà chiedere un altro miracolo come quello dell'anno scorso. Zamparini rimane convinto di trovarsi davanti una squadra capace di salvarsi il prima possibile, chissà come reagirà alla prima striscia di risultati negativi: possiamo almeno stare certi al 100% che l'allenatore avrà lo zero assoluto delle colpe in tutti i sensi rispetto all'anno scorso.
Insieme a tutta questa mole di continui paradossi e caos, arrivano i primi segnali di speranza dall'America: Frank Cascio si è esposto e vuole acquistare il Palermo a tutti i costi, con tanto di volo in Italia per discutere faccia a faccia con Zamparini. Le dichiarazioni sull'amore e la passione per i colori rosanero è il primo biglietto da visita che fa sognare i tifosi rosanero, ma ricordiamoci che tra il dire e il fare, c'è di mezzo il mare. E questo mare si chiama la volontà di Zamparini, più propenso a vendere la società ai cinesi che gli garantirebbero una modesta percentuale di quota azionaria per il possesso del club. Frank Cascio vuole rilevare l'intera proprietà e come ben sappiamo non è proprio la soluzione che il patron rosanero cerca, ma che potrebbe sicuramente cedere dinanzi ad un'offerta molto importante. Da un presidente imprenditore ad un presidente tifoso è un bel salto di qualità: che Frank Cascio sia il nuovo Renzo Barbera?


Utilizzo dei Cookie
Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy.

CHIUDI