Il calcio e l'Italia, binomio inossidabile. Un affare da 798 milioni di euro. E in Spagna il pallone regna sovrano

di Claudio Pasqualin
Fonte: TuttoMercatoWeb
articolo letto 72 volte
Foto

Uno studio pubblicato su Milano Finanza certifica che la nostra serie A si è rivelata il terzo settore industriale in Italia. Il conto valore (798 milioni) degli asset acquistati (i cartellini dei calciatori) è risultato inferiore soltanto a quello degli Enti Pubblici (3 miliardi e 700 milioni) e istituzioni finanziarie (1 miliardo e 125 milioni) e questo a seguito di un'analisi condotta nei mesi di luglio e agosto (il periodo del calciomercato) nei principali Paesi europei. I più spendaccioni si sono rivelati gli inglesi con un miliardo e mezzo investito ma noi li seguiamo a ruota con i nostri 798 milioni piazzandoci al secondo posto e precedendo da Ligue 1 (762 milioni), la Bundesliga (553 milioni) e la Liga (542 milioni). Si ha così la conferma di quanto ormai il business del pallone sia tra i più importanti nel Vecchio Continente. In Italia soltanto il comparto pubblico (composto da Governo, Enti e Agenzie statali) e quello delle istituzioni finanziarie ha mosso più denaro nei due mesi estivi rispetto al calcio.
Al di sotto del calcio si collocano tutti gli altri settori manifatturieri. Da quello dei beni industriali (290 milioni) per passare a quello energetico (236 milioni). Dopo l'Inghilterra e l'Italia arriva quindi la Francia ma il suo dato è gonfiato dalla spesa monstre del PSG per Neymar e Mbappé. All'interno della Francia la Ligue 1 si classifica ottava tra i comparti industriali del mercato transalpino. In Spagna la presenza di due colossi mondiali del settore calcio come Real Madrid e Barcellona ha fatto schizzare il business del pallone al primo posto con un conto valore di 542 milioni. Mentre in Italia solo Enti Pubblici ed istituzioni finanziarie hanno mosso più soldi del calcio, in Spagna il pallone regna sovrano.
Le nostre istituzioni spendono non poco, ma il calcio tira. E questa è una prova lampante. L'Italia e il mondo del pallone, un binomio inossidabile...

 

 

- - - - 

Ritorna il grande calcio a Palermo. Un altro appuntamento targato Conference403, ad ottobre. Il 3 e 4 ottobre 2017 si svolgerà La Marsa International Football Transfer & Meeting, un evento realizzato da Conference403 -  che vanta tra i suoi soci onorari l'avvocato Claudio Pasqualin, noto operatore di calciomercato e presidente di AvvocatiCalcio - in collaborazione con l'Istituto Salesiano Don Bosco Ranchibile che parteciperà con i suoi studenti del triennio economico e del IV Classico B nell'ambito del progetto Alternanza Scuola-Lavoro e il Consiglio dell'Ordine degli Avvocati di Palermo che riconoscerà ben sei crediti formativi agli avvocati che si iscriveranno all'evento. Previsto nella struttura turistica palermitana ubicata all'Addaura un palco relatori di alto livello, ci saranno infatti i noti agenti di calciomercato Claudio Vigorelli e Patrick Bastianelli e anche l'operatore di mercato internazionale Pablo Bentancur. Con loro anche una vecchia conoscenza del calcio italiano, balzata agli onori del cinema grazie al film Tre uomini e una gamba di Aldo, Giovanni e Giacomo: Ciriaco Sforza. Presenti anche il Palermo con il ds Fabio Lupo e il responsabile del settore giovanile Sandro Porchia, il Trapani con il tecnico Alessandro Calori e i dirigenti Salvatori e Polenta e il Crotone con il dg Raffaele Vrenna. Si parlerà anche di medicina dello sport, con il medico sociale granata ed ex Palermo Roberto Matracia in compagnia del preparatore atletico della squadra di Calori, Piero Campo. Tante le tematiche che verranno affrontate, tra queste il diritto sportivo, con l'avvocato Cesare Di Cintio del Foro di Bergamo e l'avvocato e socio onorario di Conference403 Claudio Pasqualin. E ci sarà spazio anche per parlare di aspetti tecnici con gli allenatori Davide Ballardini, Diego Lopez e Domenico Di Carlo. Prevista anche la presenza dell'ex ds rosanero Nicola Salerno. E a fare gli onori di casa anche per accogliere l'ospite a sorpresa di FTA AGENCY che consegnerà il premio "una vita per il calcio" ci saranno gli operatori di mercato palermitani, Beppe Accardi e Ninni Imborgia. Per una due giorni da ricordare e alla quale è già possibile iscriversi fino ad esaurimento posti disponibili, su www.conference403.com.


Utilizzo dei Cookie
Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy.

CHIUDI